Fosfatdilserina: che cos’è e perchè si usa

fosfatidilserina
Unisciti alla Conversazione

Fosfatdilserina: che cos’è e perchè si usa

La fosfatdilserina (abbr. PS) è un fosfolipide costruito dall’aminoacido L-serina e una molecola di lipide. È presente nelle cellule di tutti gli esseri viventi, ma come integratore la si preleva dalla corteccia celebrale vaccina, dal tuorlo oppure dalla lecitina (fosfatdilcolina – abbr. PC). Negli ultimi anni si tende a produrla esclusivamente da fonti vegetali per evitare il rischio di trasmissione di malattie dall’animale all’uomo.

La PS è presente anche in alcuni cibi, come le verdure verdi a foglia ed il riso. Le quantità però sono così insignificanti che bisogna per forza affidarsi all’integrazione se si vuole ottenere dei risultati. La PS, infatti, contiene i fosfolipidi che sono vitali per un corretto funzionamento delle membrane cellulari. La PS, una volta ancorata nella membrana, può controllare molteplici funzioni importanti come l’entrata e l’uscita delle molecole dalla cellula, trasferire i messaggi all’interno e la comunicazione tra le cellule stesse. Protegge anche le membrane cellulari dal danneggiamento dovuto ad allenamenti intensi e ai radicali liberi.

La maggior parte della PS si trova nelle cellule celebrali e nonostante le ricerche fatte un ventennio fa, solo recentemente i bodybuilder cominciano a scoprirne i suoi benefici. Gli effetti positivi sul corpo sono molteplici – oltre a proteggere le membrane cellulari, migliora le funzioni celebrali e abbassa il cortisolo, il nemico numero uno dei patiti della palestra.

Molti studi dimostrano che 300mg di PS al giorno migliorano la memoria e la concentrazione. Per questo la PS può essere indicata soprattutto per le persone anziane, persone con problemi di memoria o ADHD. Ma siccome è anche un ottimo antidepressivo, come riportato dalla ricerca, è molto indicata anche per persone depresse o frequentemente sottoposte a stress sia scolastico, lavorativo o in generale. Anche gli allenamenti intensi sono uno stress per il corpo, quindi gli sportivi possono trarre grande beneficio dall’integrazione.

Effetti positivi sul cortisolo

La PS abbassando il cortisolo previene la perdita muscolare, l’ innalzamento degli zuccheri nel sangue e di conseguenza la riduzione della sensibilità insulinica. Nello studio di Fahey e Pearl, hanno dimostrato che 800mg di PS al giorno possono ridurre il cortisolo del 30% quando si è sottoposti ad allenamenti pesanti. Infatti, più lunghi sono gli allenamenti intensi, più aumenterà il cortisolo.

Il cortisolo però non è sempre la bestia malvagia. Se il nostro corpo lo produce, è perché ha dei benefici antiinfiammatori ed è quindi essenziale in certi casi. Per questo motivo non possiamo fermare la sua produzione, ma possiamo tenerla sotto controllo integrando la PS che non solo ci porterà ad un incremento della massa muscolare ma anche ad un recupero accelerato.

La popolazione maschile sarà anche lieta di sapere che la PS aiuta ad aumentare la razione tra testosterone e colesterolo migliorando così l’efficacia del testosterone.

Dosaggio

Una dose efficace della PS si aggira dai 100 ai 800mg al giorno a seconda delle motivazioni d’uso. Per un miglioramento delle funzioni cognitive e neurologiche, possono bastare già 100mg al giorno, anche se gli studi riportano 300mg come una dose efficace che porta benefici solidi.

Per un atleta o un bodybuilder che si sottopone ad allenamenti intensi, sono raccomandati 400-800mg al giorno nei periodi più intensi. In questi casi la PS va presa subito dopo l’allenamento, quando i livelli di cortisolo sono più alti e 30 minuti prima di coricarsi. Come già menzionato, non ci sono ragioni valide per ciclicizzare la PS perché sicura anche dopo l’integrazione per periodi prolungati. Gli effetti positivi possono essere notati in1-2 settimane di uso costante.

Alcune ricerche riportano che la PS ha proprietà anticoagulanti quindi è meglio non prenderla con erbe come il Ginko biloba e medicinali contenenti agenti simili. Evitare anche l’abbinamento con le amfetamine (antidepressivi, medicinali per l’ADHD) e la dopamina. La PS essendo sicura e senza effetti collaterali, può essere somministrata anche a bambini ADHD abbinandola agli Omega-3. I risultati della ricerca sono molto positivi e promettenti.

I commenti sono chiusi.